Il britannico Jake Dennis si aggiudica la vittoria nella gara di casa nel Round 12 dell'Heineken® E-Prix di Londra

Jake Dennis della BMW i Andretti Motorsport ha conquistato il primo posto nella gara di casa nel Round 12 dell'Heineken® E-Prix di Londra, davanti a Nyck de Vries, della Mercedes-EQ, e Alex Lynn, della Mahindra Racing, con un margine di oltre cinque secondi.

Jake Dennis (BMW i Andretti Motorsport) ha conquistato una tranquilla vittoria nella gara di casa dell'E-Prix di Londra, con una prestazione magistrale che lo ha visto tagliare il traguardo con un vantaggio di cinque secondi sul secondo classificato, Nyck de Vries (Mercedes-EQ), e sul suo connazionale, Alex Lynn (Mahindra Racing).

Dennis si è liberato del leader di gara, Lynn, dopo la sua seconda attivazione dell'ATTACK MODE. Da lì, il pilota britannico si è allontanato con disinvoltura dal resto del gruppo, riuscendo a gestire egregiamente l'energia tanto da diventare il pilota con il regen più efficace in gara, nonché a conquistare la sua seconda vittoria come rookie nel campionato di Formula E dopo la gara di Valencia.

Questa vittoria catapulta Dennis al secondo posto nella Classifica piloti dopo che il leader della classifica, Sam Bird (Jaguar Racing), è stato costretto al ritiro a causa di un contatto nel primo giro. 

RD12

De Vries, partito dal nono posto, è riuscito a recuperare molte posizioni fino ad arrivare a lottare per il titolo e a migliorare la posizione del team Mercedes-EQ nella corsa della Classifica delle squadre. Lynn è stato il leader della corsa per una buona parte della gara, ma un lock-up alla Curva 10 gli è costato caro, in quanto ha dato la possibilità a Dennis, che non aveva ancora utilizzato la seconda attivazione dell'ATTACK MODE, di superare il suo connazionale. Il pilota della Mahindra ha dovuto accontentarsi del terzo posto.

Sebastien Buemi della Nissan e.dams è arrivato quarto, con Andre Lotterer della Porsche che, dopo aver lottato con la coppia dell'Audi Sport ABT Schaeffler formata da Rene Rast e Lucas di Grassi, è riuscito ad arrivare quinto.

Stoffel Vandoorne della Mercedes-EQ è balzato dal 14° all'8° posto e il campione in carica, Antonio Felix da Costa (DS TECHEETAH), ha fatto lo stesso, chiudendo nono dopo essere partito dal 17° posto in griglia... punti preziosissimi per difendere la sua posizione nella Classifica piloti specie oggi che Bird non ha completato la gara. Il compagno di squadra di Buemi in Nissan, Oliver Rowland, ha completato la top 10.

Domani seguirà il Round 13 dell'Heineken® E-Prix di Londra, con le Prove libere 3 a partire dalle 08.00 BST, seguite dalle Qualifiche alle 10.00 e dalla gara alle 14.00.

Non perderti gli articoli, i tempi, le storie inedite e i risultati dell'Heineken® E-Prix 2021 di Londra

La gara

Lynn è partito spedito dalla linea di partenza e ha immediatamente coperto la traiettoria interna per ostacolare l'avanzata di Dennis con Buemi che seguiva in terza posizione. Il gruppo, stretto e compresso, ha superato il Settore 1 in modo relativamente pulito, ma Alexander Sims (Mahindra Racing) è stato una delle prime vittime. La sua auto ha riportato danni che hanno messo termine alla sua gara in prossimità della Curva 5, all'uscita dalla sezione coperta del circuito ExCeL.

Verso la fine del primo giro, però, è apparso chiaro che anche il leader della Classifica piloti, Sam Bird, era in difficoltà: la sua gara si è conclusa prematuramente nella pit-lane dopo quello che è sembrato un colpo alla parte posteriore della sua I-TYPE 5. Nel giro successivo, l'alettone anteriore danneggiato del compagno di squadra Mitch Evans ha ceduto costringendo il pilota a un pit-stop per eseguire le riparazioni. Il peggior inizio possibile per il ritorno della Jaguar in patria dopo 17 anni di assenza.

Il gruppo di testa: Lynn davanti a Dennis, Buemi, Lotterer, Sette Camara e Nato erano praticamente nelle stesse posizioni di partenza, il pilota della Porsche era riuscito a superare la DRAGON / PENSKE AUTOSPORT di Sette Camara per raggiungere il quarto posto. Poco più dietro nel gruppo, il campione in carica, Antonio Felix da Costa, è stato uno dei primi ad attivare l'ATTACK MODE, che gli ha permesso di superare Edo Mortara (ROKiT Venturi Racing) e Pascal Wehrlein (Porsche) e salire rapidamente al 13° e poi al 12° posto. La notizia dell'abbandono di Bird ed Evans è stata trasmessa via radio al pilota portoghese che ha cercato di approfittare della situazione.

Quando mancavano 35 minuti più un giro alla fine e dopo aver guadagnato due secondi da Buemi, che si trovava al terzo posto, i due piloti in testa, Lynn e Dennis, hanno deciso di utilizzare la loro prima attivazione obbligatoria dell'ATTACK MODE per sfruttare i 35 kW di potenza aggiuntiva: uno dei due boost di otto minuti, una durata raddoppiata rispetto al consueto, come deciso per la gara di Londra.

La battaglia tra De Vries, Sette Camara e il suo connazionale Di Grassi si è accesa al sesto giro, con il pilota olandese che ha superato entrambi i brasiliani conquistando il quinto posto mentre lottavano tra loro. Di Grassi non ha gradito la mossa di Sette Camara e ha ricambiato il favore, sorpassando la DRAGON in prossimità della Curva 1 al 7° giro per arrivare a occupare il 6° posto. Da lì in poi, Sette Camara è scivolato indietro nel gruppo fino a raggiungere il 12° posto appena due giri dopo.

Arriva la seconda attivazione dell'ATTACK MODE per i leader di gara, Lynn l'ha attivata per primo, mentre Dennis ha aspettato per prendere il primo posto in pista. De Vries, nel frattempo, sembrava aver strappato il terzo posto a Buemi e Lotterer, avendo attivato l'ATTACK MODE nel giro prima, ma i due piloti sono riusciti a superarlo, nonostante l'ingegnere del pilota olandese gli avesse segnalato di sbrigarsi. Tuttavia, una tregua per l'uomo della Mercedes è arrivata con Lotterer che non è riuscito ad attivare il boost di potenza aggiuntiva, finendo quarto.

Negli ultimi 20 minuti la lotta tra gatto e topo nelle prime file è continuata, con Dennis che non aveva ancora attivato la sua seconda dose di potenza aggiuntiva dell'ATTACK MODE. Fondamentalmente, Lynn, dopo essere stato attaccato al diffusore di Dennis, a causa di un lock-up alla Curva 10 e alla Curva 18, ha perso tempo prezioso per la Mahindra. Ciò ha permesso al suo connazionale di aumentare il suo vantaggio fino a circa due secondi e mantenere la leadership della gara dopo l'attivazione dell'ATTACK MODE avvenuta al giro successivo.

Da quel momento, Dennis ha fatto una gara tutta sua: il pilota ha usato il regen nel modo più efficace, senza trascurare, al contempo, i suoi pneumatici Michelin Pilot Sport EV. Ha avuto un grande sangue freddo e ha dimostrato molta sicurezza prima della gara e anche nel corso del Round 12 si è dimostrato altrettanto imperturbabile.

De Vries, ritardando la frenata, ha eseguito un sorpasso ai danni di Buemi in prossimità del primo tornante conquistando il terzo posto al giro 26. Tre giri dopo, ha raggiunto la Mahindra di Lynn e alla Curva 11 l'ha sorpassata raggiungendo la seconda posizione grazie al 20% di potenza aggiuntiva del FANBOOST. Lynn alla fine ha dovuto accontentarsi del terzo posto, seguito da Buemi. Lotterer ha tenuto a bada il duo Audi, composto da Rast e Di Grassi, mentre Vandoorne ha riconquistato posizioni passando dal 14° all'8° posto.

Nel frattempo, anche Da Costa ha sfruttato il FANBOOST che gli ha consentito di prendere il 9° posto di Nato, guadagnando punti preziosissimi rispetto al leader della Classifica piloti Bird che si è ritirato al primo giro. Rowland di Nissan e.dams ha completato la top 10.

Alla fine Dennis si ritrova a soli due punti da Bird e i primi cinque nella Classifica piloti sono divisi da soli cinque punti. DS TECHEETAH ed Envision Virgin Racing si trovano in testa alla Classifica delle squadre.